Sempre in tema di sicurezza delle donne – Corso FAD

Fino al 26/7/13 (ma sono previste altre edizioni fino a dicembre 2016) è attivato sulla piattaforma eCampu s (http://www.ecmcampus.it/)  un corso FAD  (Formazione A Distanza) che permette di ottenere 14 crediti ECM  dedicato a “Violenza sessuale e violenza  domestica: protocolli sanitari e relazione d’aiuto”  realizzato dalla Fondazione IRCCS  Cà Granda – Ospedale Maggiore Policlinico Milano in collaborazione con altri enti tra i quali il Soccorso Violenza Sessuale della Clinica Mangiagalli. E’ rivolto agli operatori sanitari (psicologi, medici e infermieri) e prevede una formula – a mio avviso – interessante:  basta registrarsi ai diversi corsi per poter accedere a tutto il materiale di studio e si paga (in questo caso euro 24,24 IVA compresa)  solo qualora si decidesse di sostenere il test (informatizzato) per ottenere i crediti ECM (al superamento del test viene emesso immediatamente il certificato). Mi sembra un altro modo interessante per aggiornarsi su tematiche con le quali, purtroppo, il clinico viene in contatto sempre  più spesso.

“Siamo sicure” una app per la sicurezza delle donne e non solo

Attraverso un mio contatto di LinkedIn sono  venuta a conoscenza dell’esistenza di una app per smartphone (iPhone e Samsung  ma presumo ci sia anche per altri standard) che si chiama “siamo sicure’  finalizzata ad aumentare il livello di sicurezza delle donne (e non solo). Va tenuta aperta in situazioni potenzialmente pericolose (ad esempio la sera in luoghi desolati) e prevede diversi strumenti: 1) Allarme e suoni: se si preme l’apposito pulsante si attiva una sirena che dovrebbe distrarre l’aggressore. È prevista anche una torcia 2) chiamata d’emergenza: se si preme il pulsante si attiva la chiamata al 112 (credetemi perché ovviamente l’ho schiacciato). Questo perché in situazioni di emergenza non sempre si ha la lucidità e la prontezza per chiamare le forze dell’ordine 3) la possibilità di inviare schiacciando un pulsante un sms a persone predefinite con un messaggio d’allarme e una localizzazione 4) Decalogo in sicurezza: chiare regole su come gestire situazioni di potenziale aggressione. Mi sembra una app decisamente utile e provvederò a farla girare tra i miei conoscenti.